Sicurezza nella Qualità

NEWS

Gli obiettivi aziendali sono la traduzione concreta dei risultati che l'Azienda vuole ottenere in un determinato periodo temporale e sono la conseguenza di tutta la propria attività.

Pianificare gli obiettivi aziendali risulta fondamentale per definire un preciso piano di impresa e la sua relativa attuazione, pertanto i target vengono poi tradotti in indicatori misurabili, rispetto ai quali devono essere definiti i piani di azione.

Una volta pianificati, per verificare in quale misura gli obiettivi operativi e strategici vengono raggiunti, si usano gli Indicatori Chiave di Prestazione (Key Performance Indicator, KPI).

Un KPI è sostanzialmente una metrica che descrive quanto efficacemente ci si avvicina (o ci si scosta) ad un prefissato fattore di successo.

Utilizzando i KPI, si potranno osservare subito dei miglioramenti concreti, ottimizzando i risultati e riducendo sprechi di risorse e di tempo.

Verranno così identificate le attività che funzionano meglio e quelle con maggior margine di miglioramento, offrendo a ciascun responsabile di funzione uno strumento per valutare il lavoro da lui svolto e dal suo team e diagnosticare per tempo eventuali difficoltà di performance o basse efficienze.

Prima di definire i vari KPI, è necessario aver chiaro quali sono gli obiettivi aziendali e come risultano diversificati tra i vari reparti e funzioni. Solo una volta definiti, sarà possibile individuare i KPI più rilevanti per l’Azienda.

Una volta precisati, gli indicatori vanno periodicamente monitorati in quanto sono uno strumento dinamico per capire se i processi stanno performando come pianificato. Monitorando gli indicatori di prestazione a intervalli definiti (per esempio mensilmente o trimestralmente), si potrà avere una previsione annuale del loro andamento, comprendendo per tempo se gli obiettivi saranno o meno raggiunti. In questo modo, se la situazione non fosse in linea con le previsioni, si potranno applicare tempestivamente delle azioni correttive per fare in modo di raggiungere i risultati attesi.

Gli Indicatori Chiave di Prestazione sono molteplici e possono riguardare diversi ambiti di ogni Azienda: possono misurare valori economici-finanziari, di produttività, di qualità dei processi, della bontà dei servizi erogati e molti altri ancora.

Gli indicatori minimi e fondamentali che ogni Azienda dovrebbe comunque monitorare per poter misurare il proprio livello di prestazione e raggiungere gli obiettivi strategici primari, sono:

 

  • Produttività: calcolata come il rapporto tra le Ore di produzione effettivamente svolte in rapporto alle Ore disponibili

Partendo dai dati di produzione, è necessario stabilire un metodo di estrapolazione delle ore effettivamente lavorate in un determinato periodo. Una volta costruito l’indicatore, questo servirà per confrontare l’andamento della produttività nei vari periodi. In funzione della tipologia di Azienda, l’indicatore sarà calcolato sulle ore di produzione riferite al reparto o al macchinario o all’intera commessa.

Osservando questo indicatore, si riuscirà a capire come l’Azienda sta performando, e se necessario, concentrare gli interventi di miglioramento verso quelle attività risultate più carenti in modo da garantirsi il raggiungimento degli obiettivi pianificati (per esempio trovando rimedio alle cause dei troppi fermo macchina o ottimizzando alcune lavorazioni meccaniche o riducendo gli attrezzaggi, o semplicemente ridefinendo il flusso dei materiali).

 

  • Costo della mancata Qualità: calcolato come il rapporto tra il Costo dei prodotti e/o servizi non conformi sul Valore totale dei prodotti e/o servizi

La mancata Qualità è un parametro fondamentale da tenere monitorato in qualsiasi tipo di Azienda. Questo parametro si può presentare durante i processi interni o, nei casi più gravi, può essere rilevato direttamente dai clienti.

Per calcolare il valore della Non Qualità si devono tenere in considerazione molti aspetti, quali per esempio i costi del materiale scartato, i costi delle rilavorazioni, i costi della gestione delle non conformità, i costi legati alla perdita di produttività, i costi derivanti dalla mancata soddisfazione dei clienti, e nei casi più gravi i costi della perdita di fette di mercato. Questo indicatore sebbene molte vote sotto valutato, è uno dei pilastri del sistema di valutazione delle performance aziendali.

 

  • Margine di Contribuzione: calcolato come il Ricavo delle Vendite meno i Costi Variabili

Dopo il flusso di cassa è l’indicatore per eccellenza da tenere monitorato in tutte le Aziende di qualsiasi tipologia.

Cos'è il margine di contribuzione? Questo importante valore viene definito nel conto dei costi e delle prestazioni come l'importo che un'Azienda ha a disposizione, in base al fatturato, per coprire i propri costi fissi. Il margine di contribuzione può essere calcolato per un singolo prodotto, un gruppo di prodotti o addirittura per l'intero volume delle vendite, a seconda delle necessità. Esso fornisce informazioni su quanto la rispettiva quota del fatturato contribuisca a coprire i costi fissi.

E’ di fondamentale importanza capire se la redditività reale dell’Azienda coincide con quella prevista, pertanto è obbligatorio definirlo, misurarlo e valutarlo periodicamente.

Questo indice può fornire molte informazioni e dettare la direzione da seguire per raggiungere le prestazioni attese.

La via principale per aumentare il margine è sicuramente migliorare i processi, rendendoli più snelli, eliminano tutte le attività inutili e riducendo il materiale in circolazione.

Anche in questo caso l’analisi può portare ad interventi mirati sui processi o sui prodotti a seconda della tipologia dell’Azienda e dei prodotti o servizi offerti.

Infatti, si può realizzare un’analisi più puntuale, calcolando per esempio i margini di profitto per ciascun bene venduto, e concentrare eventuali azioni di miglioramento in aree o su prodotti mirati.

 

 

Grazie agli Indicatori Chiave di Prestazione, l’Imprenditore può quindi pianificare e programmare le attività aziendali, misurando periodicamente gli scostamenti tra gli obiettivi attesi e i risultati ottenuti, intraprendendo così le azioni necessarie per migliorare o correggere le attività che non stanno performando come pianificato.

Ogni impresa ben strutturata che utilizza e tiene sotto controllo gli Indicatori Chiave di Prestazione, possiede un sistema organizzativo efficiente.

L’uso dei KPI porta fin da subito molti vantaggi, quali per esempio:

  • - Facilitare il raggiungimento degli obiettivi prefissati dell’Azienda;
  • - Mantenere monitorati i processi;
  • - Comprendere se la rotta che l’Azienda sta seguendo è quella voluta;
  • - Tenere monitorato l’andamento dei processi Aziendali e l’operatività dei responsabili dei vari reparti;
  • - Identificare in tempo le attività con maggior possibilità di crescita, e quindi riuscire a focalizzare gli interventi di miglioramento;
  • - Ottimizzare i risultati, riducendo sprechi di risorse e di tempo, aumentando i guadagni dell’Imprenditore;
  • - Ridurre gli oneri fiscali e contributivi dei premi di risultato erogati a seguito del raggiungimento degli obiettivi prefissati. Inoltre, questi benefici fiscali e contributivi molto vantaggiosi anche per i collaboratori, aiutano a creare un ambiente di lavoro più stimolante e sereno con la conseguenza indiretta di aumentare la produttività dell’Azienda.

 

In particolare, i premi di risultato sono un compenso premiale variabile aggiuntivo rispetto alla normale retribuzione di base che spetta in busta paga al dipendente, il cui pagamento avviene a seguito del raggiungimento, da parte dell’Azienda o in alcuni casi anche di un solo reparto o ufficio, di un particolare miglioramento legato alla produttività o ad altri parametri quali innovazione, redditività, qualità, efficienza, ecc.

(Circolare Agenzia delle Entrate n° 28/E del 15/06/2016 https://www.lavoro.gov.it/notizie/Documents/AE-circ-28-2016-Detassazione.pdf).

Gli incrementi di produttività, di redditività, del grado di qualità dei prodotti o servizi, delle performance dei processi o altro ancora, devono essere verificati in modo obiettivo tramite il riscontro del raggiungimento di indicatori numerici o di altro genere appositamente individuati al termine di un periodo congruo di verifica e, questo vale anche per i criteri di verifica e misurazione.

Gli indicatori numerici ed il periodo di riferimento degli incrementi, devono essere indicati in un accordo stipulato tra il datore di lavoro e i propri dipendenti.

Per erogare i premi di risultato è quindi fondamentale aver identificato degli Indicatori Chiave di Prestazione KPI definendoli sia dal punto di vista qualitativo sia dal punto di vista quantitativo.

L’aspetto ancora più interessante dal punto di vista dell’Imprenditore è costituito dal fatto che i costi dell’erogazione del premio di produttività in busta paga sono deducibili ai fini IRES, ai sensi dell’articolo 95 del TUIR.

Inoltre, per i dipendenti, una volta definiti i KPI, è possibile sfruttare i benefici della Legge di Stabilità 2016 che ha introdotto un sistema di tassazione agevolata nell’applicazione di un’imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle relative addizionali con aliquota agevolata al 10% per i premi di produttività del settore privato, e la possibilità, a richiesta dei collaboratori, di ricevere i premi sotto forma di benefit detassati.

 

 

Con le novità introdotte dall’ultima Legge di Bilancio, il limite di importo di premio o misura di welfare aziendale per il quale è prevista l’applicazione delle agevolazioni fiscali con l’aliquota agevolata al 10% è adesso di 3.000€ (al netto dei contributi previdenziali), aumentabili a 4.000€ nel caso in cui l’Azienda coinvolga i dipendenti in attività di organizzazione dell’Azienda.

Un’ulteriore novità introdotta dalla Legge di Bilancio riguarda l’erogazione dei premi di produttività da parte del datore di lavoro sotto forma del cosiddetto “welfare aziendale”: si tratta di prestazioni, opere, servizi corrisposti al dipendente in natura o sotto forma di rimborso spese aventi finalità che è possibile definire, sinteticamente, di rilevanza sociale, e non concorrono alla formazione di reddito di lavoro dipendente né sono soggetti all'imposta sostitutiva.

Il premio di produttività convertito in welfare per l’Imprenditore non comporta oneri contributivi e determina l’integrale deducibilità dei relativi costi ai sensi dell’articolo 95 del TUIR.

L’unica condizione per avvalersi di tutti questi vantaggi è aver stipulato un accordo di secondo livello all’interno del quale vanno indicati i criteri di misurazione degli incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione e l’eventuale possibilità del lavoratore di sostituire i premi monetari con il welfare aziendale.

Criteri di misurazione degli incrementi che si traduce nella definizione degli Indicatori Chiave di Prestazione (KPI) e nel loro monitoraggio.

I vantaggi dell’erogazione dei premi di produttività, dal punto di vista fiscale e contributivo si possono così schematizzare:

Vantaggi_premio_di_risultatO_kpi_ACTIVE_ENGINEERING

Per comprendere a fondo questo semplice meccanismo virtuoso portiamo un semplice esempio concreto valutando i vantaggi economici di entrambe le categorie coinvolte (Imprenditore e dipendenti).

Esempio:

Caso in cui la retribuzione è di 28.000€ e viene elargito un premio lordo di 3.000€.

 

Tabella_vantaggio_premio_di_risultato_inps_ires_irpef_ACTIVE_ENGINEERING

 

Quindi, l’utilizzo degli Indicatori Chiave di Prestazione (KPI), oltre a comportare un risparmio fiscale sia per l’Imprenditore sia per i suoi dipendenti che sono quindi più motivati, porta un aiuto concreto nel processo di miglioramento organizzativo dell’Azienda.

Definire gli indicatori e tenerli monitorati sono azioni dinamiche, che permettono di rappresentare numericamente la capacità dell’impresa di perseguire i propri obiettivi di breve, medio e lungo periodo.

Ogni Azienda che possiede un sistema organizzativo efficiente riesce a ottimizzare i risultati sfruttando al meglio le risorse già presenti in ogni impresa.

Compiendo delle scelte strategiche mirate, vengono ridotti gli sprechi di tempo e di risorse, viene aumentato il valore percepito da parte del cliente dei prodotti o dei servizi ricevuti, e conseguentemente aumenta il guadagno dell’Imprenditore.

 

Active Engineering 

sulla base della lunga esperienza maturata nel quotidiano rapporto con numerose piccole e medie imprese, è in grado di affiancare gli Imprenditori per migliorare i processi interni delle loro Aziende nonché per

 - Determinare gli indicatori di prestazione efficaci (KPI) più adeguati alla situazione aziendale;
 - Monitorarne l’andamento, per potere sfruttare tutti i possibili vantaggi derivanti dall’uso di questo strumento;
- Fornire gli strumenti pratici per riuscire a raggiungere gli obiettivi pianificati.

 

CONTATTACI SENZA IMPEGNO A:

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. oppure chiamaci al 333-3287718

 

 

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
Prev Next

Cerca nel sito